Expo, opportunità per le aziende

Schermata 2014-11-12 a 12.27.01

L’Esposizione Universale si terrà dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 nella città di Milano. Molto si scrive sulle meraviglie che si potranno vedere ma poco per come sfruttare questo evento per fare impresa. Come sempre ho girovagato in rete ho letto alcuni libri e queste sono alcune interessanti informazioni che ho trovato e che voglio condividere con voi.

Prima di tutto bisogna sfatare il mito che ormai siamo in ritardo per cogliere le opportunità economiche di Expo. La tipologia di business può avvenire all’interno della manifestazione ma anche fuori, vediamo come.

1. All’interno del sito espositivo un’azienda può fornire prodotti o servizi a uno degli espositori.

2. E’ possibile acquistare uno spazio espositivo. In questo caso occorre contattare il Dipartimento commerciale di Expo S.p.a

3. Esistono dei Bandi di Gara a cui partecipare.

Ho trovato due bandi di gara. Il primo del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali. Obiettivo:  l’affidamento del servizio relativo all’organizzazione della partecipazione italiana alla manifestazione annuale European Seafood Expo Global. Obiettivo è l’ideazione, progettazione, trasporto, montaggio, realizzazione, gestione e smontaggio dell’allestimento dello stand istituzionale dedicato alla Direzione generale della pesca marittima e dell’acquacoltura, nonché l’organizzazione della partecipazione delle Regioni e aziende del settore ittico italiane ed il servizio assistenza e di feedback con gli ulteriori servizi nell’ambito dell’European Seafood Expo Global 2015 di Bruxelles (21-23 aprile 2015). L’importo è di euro 500.000. Per partecipare c’è tempo fino alle 17.30 del prossimo 22 dicembre. Le informazioni le trovate qui.

L’altro bando è per l’affidamento del servizio di accreditamento per Expo Milano 2015, inclusa la gestione chiavi in mano dei Centri Accrediti per l’evento. Potete saperne di più cliccando su questo link.

Per potersi proporre occorre però essere registrati all’Albo fornitori ufficiale di Expo 2015. Questo albo è a disposizione e consultabile dai commissari dei singoli padiglioni. L’inserimento nel database prevede il pagamento di una fee variabile a seconda del fatturato annuo aziendale:
– 100 euro per fatturato 0-2 milioni euro (micro impresa).
– 300 euro per fatturato compreso tra 1 e 50 milioni (piccole-medie imprese).
– 500 euro per fatturato maggiore di 50 milioni (grandi imprese).

Comunque Expo è di chi se lo prende. Tutti possono realizzare iniziative, senza richiedere permessi particolari, è possibile richiedere il Patrocinio non oneroso della manifestazione presentando un’apposita domanda utilizzando il portale di Expo.

b-3

Il Padiglione Italia rappresenta una vera e propria opportunità di business, infatti molte aziende hanno già aderito alla manifestazione in qualità di sponsor paganti presenti e visibili. Qualche nome: Illy, Moretti, San pellegrino e molte altre. Palazzo Italia è il luogo dove il mondo incontra l’Italia ma è anche una grande vetrina per le aziende che hanno progetti interessanti da condividere. Sicuramente Expo 2015 ha fini educativi ma pochi sanno che tra le regole della manifestazione esiste quella del 20%. Il 20% degli spazi deve essere commerciale. Palazzo Italia è la sede di una mostra permanente che racconta il nostro Paese attraverso il cibo e non solo. Il piano terra del cardo sarà invece dedicato al racconto di 10 storie di successo della nostra imprenditoria. Ogni azinda avrà quindi uno spazio a disposizione da allestire. Al primo piano troveremo invece le Startup. Le iniziative che verranno di volta in volta organizzate saranno moltissime, per rimanere sempre aggiornati vi consiglio di leggere le news sul Magazine ufficiale di Padiglione Italia.

Di seguito vi elenco tutti i modi e possibilità per le aziende di partecipare ad Expo 2015:

– Main Partner: Aziende le cui attività e i cui valori sono intrinsecamente legati al concept e alla proposizione espositiva di Padiglione Italia. Questi Partner provvederanno a fornire contenuti e finanziamenti per la realizzazione delle proposizioni espositive (Title Sponsor). Alcuni nomi delle aziende che hanno già aderito? Citterio, Lavazza, Granarolo, Martini e molti altri.

– Sponsor Tecnici: Aziende che mettono a disposizione i prodotti / servizi chiave e know-how, per la costruzione del Padiglione Italia e per la gestione operativa dell’Evento.

 Events Suppliers – (Prodotti esclusivi) : Aziende e Organizzazioni che offrono forniture specifiche per gli eventi specifici nelle fasi precedenti e/o durante il semestre espositivo. 20mila-30mila euro i budget per sponsorizzare un evento temporaneo.

– Event Sponsors: Aziende e Organizzazioni che supportano eventi specifici nel quadro del “Global Marketing & Communication Program” nelle fasi precedenti e/o durante Expo.

 Rappresentazione della filiera agroalimentare: le PMI si riferiscano alle CCIAA locali o alle associazioni di categoria di appartenenza che possano meglio rappresentare le eccellenze a livello aggregato e armonico permettendo così di coinvolge imprese associate per partecipazione a rotazione nel corner commerciale e negli spazi esperienziali.

Parlando con un esperto di Local Search Marketing ho scoperto che per le imprese locali è molto importante riuscire a farsi trovare velocemente per poter cogliere opportunità di business legate ad Expo. La Local Search (o ricerca locale) è una ricerca per trovare qualcosa in una data area geografica. Il 30-40% delle ricerche sono su base locale. Ecco alcuni siti:

1. Google My Business – Google My Business coincide con le informazioni che i motori di ricerca ricevono per classificare il tuo business.

2. Bing Places per le Aziende – Bing è il secondo tra i motori di ricerca in Italia (lontano dal dominio del 95% di Google) ad ogni modo creare una voce qui aiuta a rafforzare il chi siete e dove vi trovate.

3. Yelp Italia – Inserire la propria attività su Yelp è particolarmente importante visto che Apple e Bing hanno scelto Yelp come partner per i contenuti dei loro motori di ricerca e mappa. Yelp è particolarmente adatto ai ristoranti e locali che vogliono attirare nuova clientela.

4. Pagine Bianche – L’inserimento della propria azienda è gratuito. Oltre ai benefici a livello di localizzazione, aiuta anche a farsi contattare da nuovi clienti tramite utenza mobile.

Vi segnalo un libro molto interessante che approfondisce questo argomento: #Expottimisti. Tutto quello che dovreste sapere sull’Expo 2015 e non spate a chi chiedere. Scritto da Giacomo BiraghiAlvise De Sanctis e Luca Ballarini. Il libro è scaricabile gratuitamente qui.

I commenti sono chiusi.