Fico Eataly World – Bontà e sostenibilità

Il mese scorso si è tenuto a Bergamo il G7 dell’agricolura e l’Italia si è presentata all’appuntamento da vera padrona di casa. Secondo i dati pubblicati quest’anno dall’Eurostat, l’Italia, con i suoi 52,9 miliardi di fatturato, è la seconda potenza agricola del Vecchio Continente, dietro alla Francia (70 miliardi) e davanti alla Germania (51,2 miliardi). Abbiamo anche un altro primato di cui andare fieri: siamo il Paese più “verde” d’Europa, come dimostrato dal numero impressionante di certificazioni alimentari

  • 291 specialità Dop/Igp
  • 451 vini Doc/Docg.
  • 60 mila aziende biologiche
  • 4.965 prodotti alimentari censiti

 

Grazie all’eredita di Expo Milano 2015 e grazie allo scenario appena descritto nasce il progetto FICO EATALY WORLD.

FICO è l’acronimo di Fabbrica Italiana Contadina e il 15 novembre 2017 aprirà i battenti a Bologna.

La Fabbrica italiana contadina (Fico) Eataly World unisce la tradizione enogastronomica del nostro Paese all’innovazione e alla ricerca di tutto quanto ruota attorno alla galassia agroalimentare.

Si tratta del più grande Parco Agroalimentare del mondo e punta ad attrarre milioni di visitatori da tutto il mondo. Come più volte ha dichiarato Oscar Farinetti, Fico punta a diventare un “bellissimo biglietto da visita per l’Italia”. 

Fico sarà un luogo a spreco zero ed un modello di economia circolare. Il cibo in eccesso nei ristoranti sarà recuperato ed il Parco sarà un punto di riferimento per la dieta Mediterranea. Mente dell’attività educativa sarà la Fondazione che annovera tra i suoi partner alcuni dei più importanti atenei ed istituzioni di ricerca sul cibo

I NUMERI

Su 10 ettari, con ingresso gratuitoFabbrica Italiana Contadina racchiuderà la meraviglia della biodiversità italiana, attraverso 2 ettari di campi e stalle all’aria aperta, ed 8 ettari coperti che ospitano:

  • 40 fabbriche;
  • oltre 40 luoghi ristoro;
  • Botteghe e mercato;
  • Aree dedicate allo sport, ai bimbi, alla lettura e ai servizi;
  • 6 aule didattiche, 6 grandi “giostre” educative, teatro e cinema;
  • 1 centro congressi modulabile da 50 a 1000 persone;
  • Una Fondazione con 3 università

 

LA STRUTTURA

FICO Eataly World sorge alle porte di Bologna, in un’area che si estende per 100.000 mq (2 ettari all’aperto e 8 al coperto). Il progetto coinvolge oltre 2.000 aziende, che rappresentano il meglio della produzione enogastronomica italiana.

I visitatori andranno alla scoperta della biodiversità italiana attraverso cinque semplici passi.

1 – I campi e gli allevamenti
2 ettari di campi e stalle all’aria aperta dedicati alla coltura delle specie agricole più rappresentative dell’Italia (olive taggiasche, uve nebbiolo, grano senatore cappelli, etc.) e all’allevamento delle razze tipiche regionali (Fassona piemontese, Chianina toscana, pecora sarda, capra ciociara, etc.), che ospiteranno più di 200 animali e 2000 cultivar.

2 – Le fabbriche contadine artigianali
Più di 40 laboratori artigianali trasformeranno le materie prime prodotte nei più rappresentativi prodotti artigianali italiani: pasta fresca e secca, mozzarella, formaggi stagionati, insaccati, olio d’oliva, birra, gelato, dolci e molto altro.

3 – Il mercato
Botteghe e mercati proporranno ai visitatori tutto il meglio della produzione enogastronomica italiana. Sarà possibile muoversi all’interno dell’area su innovativi tricicli da shopping creati per l’occasione da Bianchi.

4 – La ristorazione
Utilizzando i prodotti realizzati in loco e venduti nel mercato più di 40 punti ristorazione rappresenteranno la tradizione culinaria italiana, tra chef stellati, osterie e food truck.

5 – La didattica
I visitatori potranno scoprire i processi produttivi attraverso più di 30 attività giornaliere; ogni anno ci saranno più di 500 eventi a tema all’interno degli spazi dedicati all’educazione agricola e culinaria.

SPAZI PER EVENTI

Il  centro congressi è dotato di ambienti modulari ed un foyer d’avanguardia che possono ospitare qualsiasi tipologia di evento, che si tratti di B2B o B2C, di congressi o lanci di prodotto, da esposizioni a conferenze, fino a convention e spettacoli live.

Il centro congressi è modulabile da 50 a 1000 posti, dotato di palco e sedute removibili per molteplici possibilità di allestimento.

Ampio foyer con una superficie di oltre 1.000 mq.

Spazio ristorazione adiacente da 200 a 500 posti.

6 aule dedicate alla formazione da 70 a 230 mq, perfette per accogliere da 30 a 80 partecipanti.

Spazi flessibili con splendide cucine di design italiano a vista, adatti ad ospitare riunioni, meeting, workshop, tavole rotonde e corsi di cucina, degustazioni, cooking show.

COME SI RAGGIUNGE IL PARCO

La Fabbrica Italiana Contadina è a Bologna, nella zona Caab/Fiera, in Via Paolo Canali 8. 

Ai clienti di Trenitalia saranno riservate particolari agevolazioni sia per raggiungere Bologna sia per visitare il parco. Al suo interno sarà possibile muoversi utilizzando uno speciale servizio navetta ecologico, gratuito per chi è arrivato a Bologna con le Frecce, e realizzato da Trenitalia con un trenino elettrico su gomma, contraddistinto dai colori e dal logo del Frecciarossa 1000. Presenti all’interno del Parco un punto vendita collocato all’ingresso e una self service in prossimità dell’uscita per acquistare il biglietto Trenitalia o consultare gli orari dei treni. Qui trovate le infomazioni utili.

Ora passiamo alla mobilità locale.

Autobus ibridi che viaggiano sul tragitto Stazione Bologna Centrale – FICO Eataly World, con fermate intermedie nei pressi della Stazione Alta Velocità (di fianco al parcheggio della Stazione di via Matteotti) e della Fiera (in via Aldo Moro e in viale Europa) in andata e, sul percorso di ritorno in direzione della Stazione, anche in piazza XX Settembre, in via Indipendenza e in via dei Mille.

Si tratta di mezzi ad alta compatibilità ambientale da 18 metri con una capienza massima di 158 persone. Il servizio copre l’intero orario di apertura del parco (dalle 10 alle 24): i bus partiranno dalla Stazione alle 9.30 e l’ultima corsa ripartirà da Fico alle 00.30; la frequenza delle corse è prevista ogni 30 minuti nei giorni feriali e ogni 20 minuti al sabato e nei giorni festivi.

Tariffe

5 euro il prezzo della corsa singola, 7 dell’andata e ritorno in giornata; 5 euro per l’andata e ritorno in giornata per i gruppi (minimo 4 persone solo con acquisto online).

– Per chi è già abbonato Tper (mensile e annuale) il prezzo è di 4 euro per andata e ritorno; il servizio sarà gratuito per i bambini e i ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado che hanno l’abbonamento, anch’esso gratuito, concesso dal Comune di Bologna.

– Un titolo da 10 euro consentirà l’andata e ritorno in giornata e la possibilità di utilizzare per l’intero giorno anche le altre linee ordinarie di trasporto pubblico in area urbana; al costo di 16 euro, invece, sarà possibile acquistare l’andata e ritorno in giornata assieme all’andata e ritorno del servizio Aerobus da utilizzarsi entro tre giorni solari.

Mezzi elettrici e car Sharing 

All’interno dei parcheggi di Fico sono previste colonnine di ricarica per veicoli elettrici e stalli per auto elettriche. Colonnine, allocate in posizioni visibili e vicine all’accesso, contribuiranno infatti ad incentivare l’uso del mezzo elettrico.“

Parcheggi

I parcheggi a servizio del Parco saranno circa 2.500, tra pubblici e pertinenziali. Si prevedono due ore di gratuità e, per le ore di sosta successive, una tariffa oraria di 1,50 euro l’ora.

COME MUOVERSI DENTRO FICO: A PIEDI, IN BICICLETTA, IN TRENINO

Oltre che a piedi, dentro FICO è possibile muoversi con le biciclette realizzate appositamente da Bianchi, dotate di tre ruote con carrello e frigorifero; gratuite, si utilizzano sulla pista ciclabile in tutto il parco. Il trenino di Trenitalia FrecciaRossa1000 per FICO, circola nel perimetro esterno del Parco a solo 1 euro.

Tra un mese andrò a visitare il Parco e vi racconterò la mia esperienza, per ora vi rimando ai canali ufficiali e social per seguire gli sviluppi del progetto.

SITO WEB

FACEBOOK

INSTAGRAM

TWITTER

YOUTUBE

LINKEDIN

 

 

I commenti sono chiusi.