PALOMA MEGIO DI JOBS

Se osservate questa foto vi renderete conto che rappresenta benissimo lo spirito della storia che ho trovato. La dodicenne messicana che vedete sulla copertina del magazine Wired è Paloma a detta di molti «Il nuovo Steve Jobs». Paloma nel test di matematica ha ottenuto il punteggio più alto del Paese grazie a rivoluzionari metodi d’insegnamento. Matamoros è una città nel Nord-Est del Messico tristemente nota alle cronache per le continue sparatorie tra narcos. Ma la storia direte voi? Bene, la giovane Paloma ha ottenuto un grande riconoscimento dalla rivista Wired meritandosi la copertina con questo titolo: «Ecco il prossimo Steve Jobs». «La genialità è ovunque, ma la stiamo sprecando. Ecco come far emergere le grandi menti di domani», recita il sottotitolo. Paloma ha sviluppato e coltivato la sua passione per i numeri e la matematica. Nei recenti test «Enlace» (l’equivalente del nostro Invalsi) ottiene il punteggio più alto a livello nazionale in matematica. Una specie di miracolo, considerate le condizioni in cui studia. 

La scuola elementare «José Urbina López» sorge poco distante da una discarica, internet è un miraggio e spesso manca l’elettricità. Consideriamo che pochi chilometri più in là i coetanei texani hanno invece a disposizione ogni sorta di tecnologia.  E’ in questa piccola scuola di periferia che incontriamo Sergio Juárez Correa, il maestro che la fa innamorare dei numeri. Sergio ha un’intuizione geniale: i bambini possono imparare in maniera autodidatta, specie con l’aiuto delle tecnologie informatiche, possono farlo divertendosi rompendo i vecchi schemi di apprendimento. In pratica Sergio si accorge dell’immenso potere della creatività. Il web a scuola non c’è così ogni giorno annota le più disparate curiosità degli studenti e consulta Google da casa. Il giorno successivo torna in aula con la risposta! Tra giochi e quesiti più complessi Paloma scopre il suo amore per i numeri e stupisce tutti non solo per le sue abilità ma anche perchè è capace di spiegare ai compagni come affrontare un quesito matematico. Paloma firma un risultato incredibile: 921 punti, il record messicano in matematica. Riesce così a mantenere la promessa fatta al padre, morto di cancro ai polmoni: «Continuerò a studiare e ti renderò orgoglioso». Per Paloma ci sono interviste, copertine… ma dopo l’iniziale entusiasmo le istituzioni non hanno mantenuto le promesse (donare pc e la connessione internet alla scuola). E’ proprio nelle parole della giovane ragazza che vedi il fuoco e la visione di Jobs. Alla domanda che cosa vorresti fare da grande Paloma risponde: “La maestra, come Sergio. Renderò migliore l’educazione messicana e diventerò più grande di Steve Jobs”. Sono sicura che sentirò ancora parlare di Paloma in futuro.

I commenti sono chiusi.