TUTTO IN UNA BANDIERA

Oggi ho incontrato una donna Brasiliana sul treno e ci siamo messe a chiacchierare. Le ho chiesto dove era nata, mi ha risposto: Bahia. Allora le ho chiesto di parlarmi del brasile…le si sono illuminati gli occhi e mi ha parlato della grande dea Imanja. Fin qui, nulla di strano. Ma poi le ho chiesto di raccontarmi perchè le mancava il brasile…Mi ha detto che tutto sta nella bandiera.Un nucleo di sogni (le stelle) che sono immerse nel verde della foresta, il giallo è il sole che riscalda. E poi il motto….mi ha stupito che ne conoscesse l’origine: “Ordem e Progresso” (Ordine e Progresso) è ispirato al motto  di Auguste Comte: “L’Amour pour principe et l’Ordre pour base; le Progrès pour but” (“L’amore come principio e l’ordine come base; il progresso è lo scopo”). E poi mi ha detto che il brasile ha molti colori….ma non ha sfumature. Bianco o nero, lusso o povertà….case piccole le une ammassate sulle altre e torri fatte di specchi che svettano nel cuore della città di Rio. Ma quello che lega la popolazione è la musica, anche quando sono lontani da casa….è un filo che li lega alla loro terra, perchè anche durante la schiavitù era un mezzo fortissimo di comunicazione…la tradizione orale è molto sentita in tutto il brasile, ma questa tradizione coabita con le moderne tecnologie. Un oggetto molto utilizzato in Brasile sono le infradito….guardate un’artista cosa ha creato con un oggetto così semplice.

I commenti sono chiusi.