NESSUN CREDITO SUL PASSATO

Schermata 2014-06-10 a 21.09.01Karl Lagerfeld: “Coco Chanel mi avrebbe odiato”

Se il buongiorno si vede dal mattino avrà pensato qualcuno…..Eppure lo stilista tedesco direttore artistico di Chanel si è presentato così in occasione della masterclass organizzata in suo onore all’Università parigina di Science Politique. Mi hanno molto colpito le sue parole. “Non ho fatto studi, non ne ho avuto il tempo – dice – nell’aula magna gremita – Non ho nulla contro le scuole ma quelle tedesche non sono molto divertenti”. E racconta di essere “nato con la matita in mano in un paesino in cui non succedeva granché”, e di essere arrivato a Parigi a 16 anni, all’inizio del 1950. Ha lavorato per Pierre Balmain, Jean Patou (1955-1962), Fendi e infine nel 1982 ha raggiunto la maison Chanel. 

“Se non ci si adatta alla modernità si è morti. La modernità è un cambiamento della mente. La moda è quello che s’indossa”. Il suo mantra è un proverbio tedesco che dice: “Nessun credito sul passato”. Non ha mai avuto l’opportunità di incontrare Gabrielle Chanel ma è sicuro che lei l’avrebbe “odiato”. “Ho un difetto – prosegue Lagerfeld – tutto quello che non mi appartiene non m’interessa”. E ancora: “Certi dirigono un’orchestra. Io sono piuttosto al pianoforte nella fossa”. Il suo più grande successo? “Deve ancora venire”, conclude lo stilista.

La cosa più difficile per un creativo è sapersi descrivere e quindi regalare alla platea. Karl come sempre ha confezionato una lezione eccellente.

I commenti sono chiusi.