Giampaolo Casarini

Banner blog 3

Avete notato che la copertina del blog è cambiata? L’artista che ha realizzato il disegno è Giampaolo Casarini. Era un po’ di tempo che stavo cercando una persona disponibile a realizzare il progetto che avevo in mente e devo dire che Giampaolo è un vero professionista. Ma cose sono arrivata a conoscerlo? Mi sono lanciata in una ricerca su internet e ad un certo punto mi sono imbattuta sul suo sito e allora ho subito capito che era lui che stavo cercando. E’ pazzesco come riesca a cogliere la luce negli occhi dei soggetti che riproduce. Ho deciso di fare qualche domanda a Giampaolo per permettervi di conoscerlo meglio.

Raccontaci un po’ della tua infanzia. Puoi farlo attraverso un’immagine, un ricordo, un sapore, qualcosa che parli di te e che ci permetta di conoscerti davvero.

Della mia infanzia ho dei ricordi molto frammentari, molti dei quali raccontati da mia madre. Uno  10857852_1408316869465183_8125922856863446930_nin particolare però lo ricordo molto bene: era il giorno in cui inaugurarono  l’asilo comunale del paese in cui vivo. C’erano tutte le maestranze del comune, compreso il sindaco. Sebbene ci fossero un sacco di giocattoli e altre cose che avrebbero fatto la felicità di ogni bambino, io me ne stavo in angolo a piangere come un disperato. Non c’era verso di farmi smettere. Sinceramente non so perchè, c’erano tanti bambini con cui giocare, tanti giocattoli nuovi che i miei genitori non potevano nemmeno permettersi di comprarmi, ma io non smettevo di piangere. Ad un certo punto il sindaco, di cui non ricordo il nome, mi nota e si avvicina. Cercando di consolarmi, cominciò a plasmare con del pongo un bellissimo sole giallo. Da quel momento smisi di piangere e cominciai a pasticciare con il pongo. Forse quello fu il momento in cui capii che cosa mi piaceva veramente fare.

Come nasce la tua passione per il disegno?

Come per tutti i bambini una delle cose che imparano a fare per primo è disegnare. Ricordo che a scuola trascorrevo un sacco di tempo a disegnare durante le lezioni. Con alcuni miei compagni di banco facevamo delle epiche battaglie sui quaderni disegnando astronavi e robot, immaginando guerre intergalattiche e progettando navi spaziali sempre più complesse. Da lì in poi la mia passione per il disegno è cresciuta. Ho sperimentato altri media come l’ areografo, fino ad arrivare alle matite con cui mi trovo molto bene.

Prova a raccontare la tua vita attraverso un disegno

Raccontare la mia vita attraverso un disegno non è semplice, posso dire che sono stato influenzato da tante cose, come i cartoni animati degli anni 70: Jeeg, Goldrake, Mazinga ecc. Poi crescendo ho scoperto le visioni biomeccanoidi di H.R.Giger. Se ho cominciato ad usare l’areografo è stato grazie a lui. In seguito ho maturato la passione per i film horror, in particolare quelli degli anni 80, ma in generale mi piacciono tutti.

Il mondo è a colori o in bianco e nero?

Il mondo mi piace a colori, anche se mi trovo molto bene a disegnare in bianco e nero. Penso che il bianco e nero sia più evocativo e renda le atmosfere più incisive oppure più oniriche, dipende da cosa si deve rappresentare.

1374821_1408316992798504_8759255117579148316_n

Creatività uguale?

Sulla creatività è stato scritto e detto di tutto. Secondo me è un concetto molto personale e ognuno di noi ha la propria concezione di creatività. Personalmente essere creativo significa rinchiudersi nel proprio immaginario e creare qualcosa che si discosta molto dalla vita di tutti i giorni. Quando disegno mi immergo in una dimensione che mi permette di stare bene con me stesso e con tutto ciò che mi circonda.

Da cosa trai ispirazione, i tuoi punti di riferimento artistici?

Traggo ispirazione da ciò che mi piace: il cinema, i fumetti, la musica. Quando guardo un film o leggo cerco di capire quale sensazione mi trasmette una determinata situazione e in base a quella comincio a pensare a cosa mi piacerebbe disegnare.

10277302_1408317239465146_153988171065394757_n

Quali sono le tue sfide per il futuro?

Penso che continuerò a disegnare perchè è l’unica cosa che mi interessa fare nella vita.

I commenti sono chiusi.