BAGLIORI ESTIVI

Viaggiare apre la mente, riesce ad    allontanare i cattivi pensieri. Questa estate ho scelto un’isola, la Sardegna. Per molti è una meta rinomata, famosa per i suoi lussi e i suoi eccessi. Mi sono concessa una Sardegna nascosta, perdendomi tra i suoi paesaggi lunari e il suo mare cristallino. Non volevo rumore se non quello delle onde del mare, che ogni volta placano il mio animo interiore che sembra sempre essere in tempesta. C’è un momento preciso, la mattina presto quando tutto tace in cui il sole si specchia nel mare e crea uno strano scintillio. I colori sono vivi e puliti e il profumo del mare è intenso e ti arriva grazie ad un vento leggero che ti sfiora il viso. Amo il mare, è il mio elemento naturale e mi ricorda sempre che dopo la tempesta arriva sempre il sereno. Il mare non va assecondato, mai. Bisogna osservarlo e conoscerlo nel profondo. Su di una scogliera ho trovato una statua che raffigurava una donna dal manto azzurro e a lei ho lasciato   i miei pensieri più profondi.

 

I commenti sono chiusi.