CIAO MARCELLO

C_4_articolo_2010385_upiImageppIo Marcello non l’ho mai conosciuto, ma l’ho visto attraverso i suoi libri.

Di creatività Marcello ne aveva molta e aveva anche molta dignità. Parlo di Marcello D’Orta l’autore di bellissimi libri…uno dei miei preferiti è “Io speriamo che me la cavo”, ma anche “Dio ci ha creato gratis” e “Romeo e Giulietta si fidanzarono dal basso”. Da tempo era affetto da una malattia incurabile eppure le sue parole mi hanno colpita: “Scrivo per non morire”. La scrittura per lui significava mantenere la sua dignità e cercare di scacciare il male. Ora lo immagino su una nuvola a scrivere un libro su quanto sia “sgarrupato” pure il Paradiso. 

Ciao Marcello.

I commenti sono chiusi.