LA MAGA DI OZ

UnknownHa catturato fin da subito la mia attenzione questa giovane creativa. Parlo di Olimpia Zagnoli. Un paio di occhiali tondi, una maglietta stilizzata a righe e uno sguard o sbarazzino. Bastano pochi tratti per raccontare Olimpia. La sua vita trasuda creatività sin dalla nascita, infatti suo padre è un fotografo mentre la madre è una pittrice. Lei firma sempre i sui lavori con la sigla OZ e ama spostarsi con sua bicicletta rossa per le vie di Milano. Questa giovane donna si divide tra l’Italia e gli Stati Uniti e vanta un portfolio creativo impressionante e collaborazioni illustri: The New York Times, The New Yorker, La Repubblica, Rolling Stone, Adidas Originals e tanti altri. Il suo stile è caratterizzato da forme morbide e colori camaleontici, non passa inosservato  il suo stile personale ed imagesespressivo. Io e Olimpia abbiamo in comune, infatti anche lei ha frequentato l’istituto Europeo di Design e nel 2006 ha deciso di trasferirsi a New York per cercare l’ispirazione e pare averla trovata. Attraverso le collaborazioni oltre oceano Olimpia ha imparato a credere nel suo lavoro soprattutto perchè ha incontrato la parola rispetto che per un designer è molto importante. Le sue illustrazioni hanno il merito di parlare un linguaggio contemporaneo. Trae ispirazione soprattutto dagli Anno ’50 e ’60 da artisti come Bruno Munari, Gianni Rodari, da Sergio Tofano e da molti altri. Olimpia si sente cittadina del mondo e coltiva la sua passione in ogni modo e ama le collaborazioni. Ultimamente ha contribuito alla realizzazione del video musicale. Oz non smette di sognare, infatti un giorno le piacerebbe decorare una delle stazioni delle metropolitana di New York.

Schermata 2014-10-27 a 09.53.33

NYTGRAYMATTERMESS2

I commenti sono chiusi.