Stories

L’ammore che d’è?

IMG_2034-600x450

Oggi voglio condividere con voi un’emozione. C’è un’opera d’arte realizzata in occasione della Arnhem Mode Biennale 2011 che personalmente adoro. Una donna di cera rannicchiata su un letto. L’opera è destinata ad esaurirsi, lo spettatore può ammirarne i fiochi bagliori, può godere dell’aura di candore ma per un tempo limitato. Guardate il video.

Queste immagini mi fanno pensare all’amore e alle parole di Eduardo:

Scusate, sapite l’ammore che d’è? 

L’ammor’è na cosa
c’addora di rosa
ca rosa nun è.
nduvina che d’è?
È rosa? E scusate, sapite pec chè? 
È rosa ‘o culore
che serve p’ ‘ammore.
L’ammore nun c’è
si rosa nun è.
L’addore che c’entra si rosa nun è? 
Pec ché dinto mag gio,
se piglia curaggio.
Sen tenno l’addore
te nasce l’ammore.
A maggio sul tanto? E sapite pec chè? 
È mag gio pe’ n’anno
pe’ chille ch’ ‘o sanno.
Pe’ chi nun vo’ bene
stu mese nun vene.
E senza l’addore l’ammore nun c’è? 
Nun c’è. Pec ché l’ammore
è forte dolore,
ca pare ‘na cosa
c’addora di rosa.

Commenti disabilitati su L’ammore che d’è?