Art,  Events&Co,  Food & Co,  IN EVIDENZA

Le cene surrealiste di Charles Kaisin

Spesso mi fanno una domanda in merito al mio lavoro….ma è davvero così complicato organizzare un evento?

La mia risposta non si limita mai ad un sì o ad un no. Spesso faccio vedere dei video. In particolare trovo utile far vedere i video delle meravigliose cene surrealiste che organizza Charles Kaisin. Soprattutto in momenti difficili come questo per la event industry assume ancora più significato portare esempi come questo perché fanno capire le complessità, la dedizione e soprattutto il numero di maestranze coinvolte per creare eventi del genere. Gli eventi rappresentano una vetrina eccezionale, un motore straordinario per ogni paese e per l’Italia sono sinonimo di creatività. In questo articolo vi porto nel mondo dell’architetto belga Charles Kaisin e delle sue cene surrealiste.

Charles Kaisin è un designer e architetto belga il cui lavoro ha sempre esplorato i processi che generano una forma. Accanto alla progettazione di oggetti, Kaisin si occupa di interior design ed è direttore artistico per sfilate di moda ed eventi.

Punta molto sul concetto di riciclaggio in ogni suo progetto ed è diventato molto famoso per le sue “cene surrealiste”.

Se parliamo di creatività ed eventi Charles Kaisin è una tentazione irresistibile. Trovo necessario premettere che gli eventi che il designer progetta e organizza sono serate private con grandi budget a disposizione, spesso sono grandi marche i suoi committenti, come Rolls Royce o lo champagne Louis Roederer.

Charles Kaisin ha cinque regole per organizzare l’evento perfetto:

LA LOCATION

L’elemento principale per il successo di una cena è la location, che deve essere straordinaria o insolita. Una stazione della metropolitana a Bruxelles o una scuderia con i cavalli, a Chantilly, ma anche una chiesa sconsacrata a New York, un garage a Hong Kong, il Casino di Montecarlo.

IL PERSONALE

La seconda regola è un cameriere per ogni ospite perché tutti devono essere serviti nello stesso istante, da un garçon che deve cambiare costume ogni cambio di piatto.

CHEF STELLATO

Lo chef stellato o gastronomico è la terza regola essenziale per il successo delle cene surrealiste, in cui spesso mancano forchette e coltelli, perché mangiare con le mani è considerato molto più divertente. (Naturalmente forniscono guanti speciali)

LA MISE EN SCENE

La mise en scene è fondamentale, per stupire e creare atmosfere particolari. La scelta del tema, con lo studio e la realizzazione del décor, è la cosa più difficile e onerosa. Kaisin sviluppa la scenografia e le situazioni come lo story board per un’opera o una rappresentazione teatrale.

L’ARTE

Quinta regola: implicare l’arte nella festa, che sia Magritte, De Chirico o André Breton, per dare un tocco di classe e un filo conduttore.

Secondo il guru delle serate più esclusive e pazze al mondo «La festa va reinventata, perché diventi un momento di vera evasione dalla vita di tutti i giorni».

La cosa importante da sottolineare è in numero di persone e maestranze coinvolte per organizzare eventi del genere. Gli eventi creano un indotto eccezionale. Mi auguro che in tempi così difficili per questo settore, chi di dovere si attivi per sostenere tutti coloro che ci lavorano e che soprattutto pensino e attuino azioni concrete.

Lascio la parola alle immagini e mi auguro che come me vi lasciate trasportare nei mondi onirici creati da Charles Kaisin.