Quel pollo di Icaro

Volans

Vi consiglio di leggere il nuovo libro di Seth Godin: Quel pollo di Icaro: Come volare alto senza bruciarsi le ali (edito da Sperling & Kupfer). Il concetto principale che esprime è che bisogna volare alto ma senza bruciarsi le ali. No, non ha scoperto l’acqua calda eppure nel libro si approfondiscono diversi temi e Seth Godin si spinge oltre. Sostiene che ci hanno insegnato che spesso è meglio percorrere strade già battute piuttosto che aprire nuove vie, ottenere il consenso e la legittimazione sociale piuttosto che seguire le proprie inclinazioni. Ma l’economia oggi non va in questa direzione: premia chi sa conquistare nuovi territori, conoscere nuove persone, collegare tra loro idee diverse e navigare a vista. In altre parole chi sa essere artista. Per Godin essere “artista” significa produrre un gesto irripetibile: prendere la parola quando non esistono risposte giuste, esporsi quando sarebbe possibile mettersi al riparo e badare non solo al risultato, ma badare al processo che vi ci ha condotto. La sua esortazione è chiara: tutti dobbiamo diventare “artisti”. Il nostro amico Icaro arriva proprio a questo punto della storia…nel libro si ricorda che bisogna volare alto , ma senza bruciarsi le ali e ricordarsi che volare troppo basso può essere anche più pericoloso che volare alto. A icaro infatti era stato anche suggerito di non volare troppo basso perchè l’acqua del mare avrebbe potuto rovinare le sue ali.

I commenti sono chiusi.