Il regno dei sogni e della follia: Studio Ghibli

Schermata 2016-05-26 a 15.39.29Era da un po’ che non scrivevo sul blog e ho deciso di tornare con quello che secondo me è un vero gioiello. Lucky Red ha portato al cinema con un evento speciale (previsto per il 25 e il 26 maggio) Il Regno dei Sogni e della Follia, il documentario sullo Studio Ghibli diretto da Mami Sunada.

Voglio partire dalla fine. Dopo averlo visto ho provato delle sensazioni molto piacevoli. Nell’ordine: pace, ordine, leggerezza, fermento creativo. La prima volta che mi è capitato di fare una passeggiata ho alzato gli occhi al cielo e ho avuto la sensazione di essere in uno dei disegni del regista. Il cielo era lo stesso che avevo osservato la settimana prima, erano i miei occhi a guardarlo diversamente e credo che questo documentario abbia influito moltissimo.

La fabbrica dei sogni e della follia è lo Studio Ghibli (il nome dello studio deriva dal nome di un aereo) .

Associato comunemente a Hayao Miyazaki, nasce in realtà sulla base di una intuizione condivisa con Isao Takahata il 15 giugno del 1985, dopo anni in cui i due hanno lavorato al colosso Toei Animation.

Ottenuto il permesso di accedere quasi illimitatamente all’interno dello Studio Ghibli, Mami Sunada segue nel corso di un anno i maestri Hayao Miyazaki e Isao Takahata e il produttore Toshio Suzuki intenti nel completare i loro ultimi capolavori: “Si alza il vento” e “La storia della principessa splendente”. Il documentario offre per la prima volta l’opportunità di compiere un viaggio affascinante e indimenticabile all’interno di uno dei laboratori di animazione più amati al mondo. Un luogo unico dove il sogno e la passione rasentano la follia.

Voglio raccontarvi cosa mi ha colpito e soprattutto perchè.

Prima di tutto la location. Il regista Hayao Miyazaki crea i suoi capolavori presso lo studio di Koganei, un piccolo sobborgo fuori Tokyo. Lo studio è un luminoso edificio di tre piani circondato da un parco.

Schermata 2016-05-26 a 16.58.16

Schermata 2016-05-17 a 20.23.36

Gli ambienti e le atmosfere dello studio spesso le ritroviamo nelle tavole disegnate dal regista.

Schermata 2016-05-17 a 20.04.52 Schermata 2016-05-17 a 20.05.06

Nell’edificio da tempo immemorabile si aggira una gatta bianca bellissima e pigrissima, sembra l’incarnazione di Totoro (uno dei personaggi più famosi dello studio). La signora Uscico, questo il nome della gatta, è libera di gironzolare per tutto l’ufficio e il giardino, ma non si avvicina mai ai luoghi in cui si realizza l’animazione e dove lavora Miyazaki.

Schermata 2016-05-26 a 17.17.55

La postazione di lavoro del regista si trova accanto ad una grande finestra e non c’è traccia di  computer o aggeggi elettronici. Un tappeto di matite colorate e fogli bianchi. Per distinguere i vari plichi di disegni e lo stato dei lavori esistono tre codici, contraddistinti da altrettanti colori:

Rosso: linea dell’infinito

Gialla: su impegnati!

Azzurro: linea del Paradiso

Schermata 2016-05-26 a 17.13.18

Miyazaki lavora tutti i giorni dalle 11 di mattina alle nove di sera, seguendo un certo numero di rituali – il saluto ai bambini dell’asilo aziendale, la ginnastica mattutina, le passeggiate sul tetto, la pause-sigaretta. Non stravolge mai il suo ritmo quotidiano. Lavora dal lunedì al sabato, anche durante i giorni festivi ed è una sua scelta perchè dice che così la domenica è molto impegnato e non ozia. Finito di lavorare si reca a piedi a casa che è vicino allo studio. Una delle sue attività preferite e che lo rilassano nei giorni in cui non lavora è quella di pulire il letto del piccolo fiume che scorre vicino lo studio.

La base del suo vivere è molto semplice: si massaggia con una spazzola tutte le mattine, fa ginnastica, una doccia, porta fuori la spazzatura, beve un caffè e poi fa un pasto. Si prende cura di sè, ed è da questa “sfera visiva” che osserva il mondo.

Il regista ha un rapporto molto singolare con i sentimenti. E’ stato sposato e quando gli viene chiesto di raccontare come mai ha sposato sua moglie lui risponde così: ” Le ho chiesto di sposarmi e non potevo  più tirarmi indietro. Perchè? Perchè lo sentivo. E perchè lo sentiva? Questo è uno dei misteri della vita!”.

Ma torniamo al lavoro nello studio.

Si occupa in prima persona di tutti gli storyboard, che traccia e poi ripassa mentalmente recitando le battute e cronometrandosi, per capire se le immagini sono sufficienti a contenere i dialoghi. E’ un uomo molto esigente, non tutti resistono e infatti nello studio è appeso in bella vista un cartello che recita così:

15032803_10211463258443747_8747429898419035844_n

Indossa sempre un grembiule bianco e distribuisce compiti e correzioni con calma e gentilezza, ma induce comunque un rispetto timoroso. Fra le righe emerge il ritratto di un uomo molto più concreto di quanto lo dipinga la leggenda, seppur legato intimamente alle proprie visioni e alle proprie memorie.

Alla fine del documentario come accennavo all’inizio del post nella memoria restano soprattutto gli squarci di bellezza catturati della regia: i tramonti su Tokyo, le passeggiate nei giardini, il tono colloquiale delle riunioni, l’attitudine giocosa al lavoro. E’ meravigliosa l’ultima sequenza sull’importanza di guardare le cose dall’alto quando il vento soffia.

Schermata 2016-05-17 a 20.24.46 Schermata 2016-05-17 a 20.26.54 Schermata 2016-05-17 a 20.27.30

I commenti sono chiusi.