Events&Co

5 cose da sapere sul futuro del lavoro

Ho letto con molta attenzione alcuni estratti dell’ultimo Skills Outlook del World Economic Forum e ho scoperto alcune interessanti riflessioni in merito al panorama del mercato lavorativo da qui ai prossimi due anni.

Entro il 2022 il mercato sarà alla ricerca di una forza lavoro capace di pensare criticamente, innovare, creare e apprendere. I dati e le riflessioni che emergono dal Report prendono in esame 20 economie e 12 settori industriali. QUI potete trovare gli estratti del Report e molte infografiche.

Questi sono gli argomenti più interessanti che emergono dal Report.

Automazione, robotizzazione e digitalizzazione assumono un aspetto diverso nei diversi settori industriali.

Internet ad alta velocità, intelligenza artificiale, analisi dei Big Data e tecnologia cloud sono destinati a guidare l’adozione di nuove tecnologie da parte delle aziende tra il 2018 e il 2022. Molti cercheranno anche di favorire ed integrare l’apprendimento automatico, la realtà aumentata e virtuale e di conseguenza la maggior parte degli investimenti aziendali più considerevoli andranno in questa direzione. Al contrario, gli investimenti nel tipo di tecnologia robotica immaginata nei film e nella narrativa popolare rimarranno un po’ più di nicchia nel corso dei prossimi anni. I robot fissi saranno probabilmente i più adottati entro il 2022 – ma industrie diverse hanno casi d’uso e preferenze distinte.

Esistono prospettive positive in merito ai posti di lavoro nonostante una significativa interruzione durante il lockdown.

Entro il 2022, le occupazioni emergenti di oggi sono destinate a crescere dal 16% al 27% della base di dipendenti delle grandi aziende a livello globale, mentre i ruoli di lavoro attualmente colpiti da obsolescenza tecnologica sono destinati a diminuire dal 31% al 21%. In termini puramente quantitativi, 75 milioni di posti di lavoro attuali possono essere sostituiti dallo spostamento nella divisione del lavoro tra esseri umani, macchine e algoritmi, mentre 133 milioni di nuovi ruoli possono emergere allo stesso tempo. Le occupazioni in crescita:

  • Data Analyst
  • Sviluppatori di Software e Applicazioni
  • Specialisti di E-commerce e Social Media
  • Training and Development
  • People and Culture
  • Organizational Development Specialists
  • Innovation Managers

I posti di lavoro sono significativamente basati sull’uso della tecnologia e potenziati da essa. Tuttavia, si prevede anche la crescita di posti di lavoro basati più su ‘human\’ traits, come:

  • Customer Service
  • Professionisti delle Vendite e del Marketing.

La divisione del lavoro tra umani, macchine e algoritmi sta cambiando velocemente.

I datori di lavoro prevedono un cambiamento significativo nella divisione del lavoro tra esseri umani, macchine e algoritmi per i compiti di oggi. Attualmente una media del 71% delle ore di attività totali nei settori coperti presi in esame dal Report sono eseguite da esseri umani, rispetto al 29% da macchine o algoritmi. Entro il 2022 si prevede che questa media si sposti.

  • 58% delle ore di lavoro eseguite dagli esseri umani
  • 42% dalle macchine o dagli algoritmi. 

In termini di orario di lavoro totale, nessun compito di lavoro è ancora eseguito prevalentemente da macchine o algoritmi oggi. Entro il 2022, il 62% delle attività di elaborazione dei dati e di ricerca e trasmissione delle informazioni dell’organizzazione saranno svolte da macchine. Rispetto al loro punto di partenza odierno, l’espansione della quota di lavoro delle macchine sarà particolarmente marcata nelle attività di ragionamento e di decisione, amministrative e di ricerca di informazioni. Anche i compiti di lavoro svolti in modo schiacciante dagli esseri umani oggi – comunicare, interagire, coordinare, gestire e consigliare – cominceranno ad essere assunti dalle macchine, anche se in misura minore.

I nuovi compiti e mansioni sul lavoro stanno stimolando la domanda di nuove competenze.

Entro il 2022 le competenze richieste per svolgere la maggior parte dei lavori saranno cambiate in modo significativo. La “stabilità delle competenze” media globale – la percentuale di competenze fondamentali necessarie per svolgere un lavoro che rimarrà lo stesso – dovrebbe essere di circa il 58%. Ciò significa che i lavoratori vedranno uno spostamento medio del 42% nelle competenze richieste sul posto di lavoro nel periodo precedente al 2022. Le competenze che crescono in rilievo comprendono:

  • pensiero analitico
  • apprendimento attivo
  • progettazione tecnologica

Tuttavia, la competenza nelle nuove tecnologie è solo una parte dell’equazione delle competenze del 2022. Competenze “umane” come:

  • creatività
  • originalità
  • iniziativa
  • pensiero critico
  • persuasione e negoziazione

manterranno o accresceranno il loro valore, così come l’attenzione ai dettagli, alla resilienza, alla flessibilità e alla soluzione complessa dei problemi. Anche l’intelligenza emotiva, la leadership e l’influenza sociale, così come l’orientamento al servizio, sono destinati a vedere un particolare aumento della domanda rispetto alla loro importanza attuale.

Tutti noi avremo bisogno di imparare e formarci

In media, i dipendenti avranno bisogno di 101 giorni di riqualificazione e formazione nel periodo fino al 2022. Le carenze di competenze emergenti – sia tra i singoli lavoratori che tra i dirigenti delle aziende – possono ostacolare in modo significativo la gestione della trasformazione dell’organizzazione. A seconda del l’industria e della geografia, tra la metà e i due terzi delle imprese si rivolgeranno probabilmente a contraenti esterni, agenti temporanei e liberi professionisti per colmare le loro lacune in termini di competenze. Un approccio globale alla pianificazione della forza lavoro, alla ridefinizione e alla riqualificazione sarà la chiave per una gestione positiva e proattiva di tali tendenze.

Quindi…..never stop learning!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *